Gli Olmechi e L’Unico Mondo

“Che diritto abbiamo di criticare le scelte degli altri popoli, se non riusciamo ad essere così onesti da criticare le scelte che facciamo noi stessi?”

Filippo fabio pergolizzi

Gli Olmechi, un popolo di origine antichissima dell’America Centrale, sono i primi nativi incontrati da Francisco de Mendoza dopo un naufragio sulle coste dello Yucatan.

All’interno del romanzo “La città perduta degli Aztechi” rappresentano l’aspetto più primitivo, semplice e ospitale della variegata umanità del Nuovo Mondo inesplorato. Accolgono Francisco e Jana, due naufraghi di una razza mai vista prima, con acqua, cibo e sorrisi.

… li ospitano senza limiti di tempo e li aiutano a muovere i primi passi nell’ignoto.

[Francisco] si ridesta in una capanna circolare con il soffitto in foglie di palma. Le orecchie sentono in lontananza il verso dei gabbiani, gli occhi sono abbagliati dai raggi del sole cocente che filtrano attraverso l’unica apertura. D’improvviso la luce viene oscurata dall’arrivo di un indio di statura imponente e completamente calvo. Francisco cerca istintivamente il pugnale, ma si arresta di fronte al sorriso dell’uomo.

Così viene introdotto il primo nativo del Messico incontrato da Francisco nel Capitolo II de “La Città Perduta degli Aztechi”. Viene accolto con un sorriso e, come si vedrà poche righe dopo, con cibo e bevande. Scoprirà che il nome dell’indigeno, Nopaltzin, significa uomo grosso e che la sua statura, eccezionale tra gli Indios americani, ha fatto di lui il capo naturale di una comunità di Olmechi che vivono sulle coste atlantiche del Messico.

[Jana] scorge con la coda dell’occhio una giovane indigena di media statura appena apparsa sulla soglia della capanna.

“Scusatemi, non intendevo disturbarvi” dice la donna, arrossendo visibilmente.

“Tu parli la nostra lingua! Chi sei?” chiede Francisco.

“Mi chiamo Eleuia, sono la figlia del capo Nopaltzin …”

Il secondo personaggio, figlia del capotribù, è fondamentale nel permettere ai protagonisti di comunicare con gli abitanti del Nuovo Mondo, rendendo così infinitamente più semplice sia la loro vita che quella del lettore.

Mixtecatl, l’uomo battuto da Jana, si inchina di fronte a lei, offrendosi volontario per la spedizione al nord.

“Lui dice che la sua vita ora appartiene alla grande guerriera che l’ha sconfitto. Non rifiutare, Jana, lo umilieresti e si toglierebbe la vita” spiega Eleuia.

Giovanni Mandruzzato

Mixtecatl, il terzo personaggio della tribù degno di nota, è il campione di lotta della comunità olmeca fino a un memorabile scontro con Jana. Diventerà un valido membro della spedizione di Francisco nell’Impero Azteco. Taciturno e spesso assente dalle descrizioni del viaggio, si fa trovare sempre pronto all’azione e alla battaglia per tutto il romanzo.

… il capo Nopaltzin, tramite Eleuia, fornisce a Francisco nuove informazioni utili.

Noi chiamiamo la nostra terra Cem-Anahuac, cioè Unico Mondo. I suoi confini sono un grande fiume a nord (Rio Grande, al confine tra Messico e Texas, nda) e la foresta di Quautemalan (Guatemala, nda) a sud in un punto in cui i due grandi mari sono vicinissimi [Istmo di Panama, NdA]

Molte lune fa gli Aztechi, o Mexica, fondarono il più grande impero mai visto a memoria d’uomo. La loro capitale, costruita su isole in un grande lago, è la città di Tenochtitlàn e il loro condottiero si chiama Motecuzoma Xocoyotzin [Montezuma, NdA]”.


L’Unico Mondo è il nome che i nativi del Messico danno al loro territorio. Gli Olmechi ne furono i primi occupanti, seguiti nei secoli da nuove migrazioni di popoli che lasciarono il segno come i Toltechi, i Maya (di cui tutt’oggi si ammirano le maestose piramidi) e infine gli Aztechi, gli ultimi dominatori prima dell’arrivo dei Conquistadores.

La presenza di Nopaltzin ed Eleuia nel romanzo è quindi fondamentale nonostante si esaurisca per lo più nei primi capitoli, in quanto permette a Francisco, e al lettore che viaggia con lui, di sapere in anticipo le informazioni principali utili a capire dove si trova, dove deve andare e chi dovrà incontrare.

Scoprite QUI gli altri conquistatori!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...