Il primo viaggio di Colombo – Ricerche&Scrittori

E il mare concederà a ogni uomo nuove speranze, come il sonno porta i sogni.

Cristoforo Colombo

Cristoforo Colombo, genovese, nato nel 1451, cominciò a navigare a quattordici anni come marinaio, a bordo delle navi mercantili delle potenti famiglie genovesi dell’epoca. Sono noti i suoi viaggi alla colonia genovese di Chio (Grecia), a Lisbona, a Bristol (Galles) e in Irlanda.

Si trasferì in Portogallo all’età di ventisei anni, quando la potente Casa Centurione di Genova aprì una succursale a Lisbona. Qui sposò Felipa Moniz, figlia naturale del capitano Perestrello, un vicentino al servizio di Enrico il Navigatore. Con il suocero, navigò per una decina di anni in pieno Oceano Atlantico tra Madera, le Azzorre e le coste africane. Fu forse in questi lunghi viaggi che gli venne l’idea di raggiungere l’Asia navigando verso Occidente? La storia ci narra che la sottopose a Giovanni II del Portogallo e ai Re Cattolici di Spagna, ma nessuno di loro la prese in considerazione.

Il Portogallo, infatti, aveva doppiato, nel 1488, Capo di Buona Speranza (Sud Africa), aprendosi la porta per l’Oceano Indiano. La Spagna, invece, era ancora impegnata nella guerra di reconquista contro i Mori.

Giovanni Mandruzzato
Cristoforo Colombo, MOMA di New York

Colombo tornò spesso alla carica attraverso lettere e udienze fino a quando la dea Fortuna gli tese la mano: il 2 gennaio 1492 Granada, ultima roccaforte dei Mori, si arrese alla Spagna. Ferdinando e Isabella, nell’euforia del trionfo e bramosi di far concorrenza al Portogallo, il 17 aprile diedero il benestare al suo progetto. La nave ammiraglia assegnatagli, la Santa Maria, non era una caravella una Nau, un veliero usato dai portoghesi e dai genovesi nel Medioevo. Si trattava di un natante di grandi dimensioni utilizzato per le rotte commerciali di lunga percorrenza, a cui vennero aggiunte due caravelle, la Niña e la Pinta.

Con un equipaggio totale di centoventi uomini, salpò da Palos alle otto del mattino del 3 agosto 1492.

Del primo viaggio, noto a tutti, dico solo alcune curiosità: Il giorno 11 ottobre 1492 Colombo mise piede sulla prima isola, chiamata dai nativi Guanahanì, situata non nel Mare del Giappone ma nell’Arcipelago delle Bahamas. Battezzata San Salvador, è nota oggi anche come isola di Watling ed è grande poco più di metà dell’isola d’Elba. Pochi giorni dopo sbarcò a Cuba in un villaggio di pescatori che fuggirono terrorizzati. Perlustrando le capanne, trovò solo “un cane che non abbaiò mai”. In compenso scrisse: “Tale era la gioia nel vedere quella ricchissima vegetazione e nell’udire il canto degli uccelli che non avrei più voluto allontanarmene per fare ritorno”.

Il 6 dicembre 1492 Colombo scoprì Haiti, che definisce “La più bella isola del mondo”.

Ribattezzò l’intera isola che comprende oggigiorno gli stati di Repubblica Dominicana e Haiti con un nome a me molto caro: Hispaniola.

A presto con il prossimo articolo: Il secondo viaggio di Colombo

QUI trovate i precedenti.

Fonte delle notizie: Federico A. Arborio Mella, Il Messico, Storia, civiltà, cultura dell’America Centrale Ed Mursia

Una risposta a "Il primo viaggio di Colombo – Ricerche&Scrittori"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...